Come usare la bibbia con precisione. Seconda parte

Oggi, siamo nel era del digitale, abbiamo gli smartphone, tablet, e gli ebook.
La lettura diventa sempre più veloce, meno articolata, più segmentata e più specifica
Quando ci troviamo davanti a la bibbia, un libro vecchio di 2000 anni, diventa naturale sentirsi  un po’ spaesati. Come lo si affronta ?

Per sapere se questo articolo puo esserti utile rispondi a queste domande

  • leggi  e mediti su la bibbia periodicamente?
  • quando leggi, riesci a comprendere il senso del passaggio?
  • pensi di avere le competenze necessarie per studiare la bibbia?
  • conosci le tecniche d’interpretazione ed ermeneutica?

se hai risposto di no ad al meno 2 domande, questo articolo è per te

è per questo che sto scrivendo questo articolo,

perché la bibbia per te è vitale!

Questa è la seconda parte di una serie di articoli dove ti mostrerò un altro requisito per usare bene la bibbia, per studiarla e per trarre il massimo profitto per la tua vita spirituale.

Non hai ancora letto la prima parte? ti consiglio di leggere prima qui:

Come usare la bibbia con precisione

Nel precedente articolo ho spiegato che per studiare la parola devi “credere”.

Chi si accosta a Dio deve credere che egli è! Ebrei 11:6

In questa seconda parte ti mostrerò perché per studiare la parola devi desiderare la Parola

Pietro descrive cosa fa l’uomo quando conosce a Dio (1 Pietro 2:1-2)

  •  Si sbarazza delle cose vecchie
  •  Desidera il nutrimento spirituale

Prima di diventare credente eri morto spiritualmente, ora che sei nato di nuovo sei come un bambino spirituale che deve acquisire forze e crescere, incominci da bambino e man mano cresci fino a diventare spiritualmente maturo.

La parola di Dio è il nutrimento essenziale per la tua crescita spirituale.

Senza di essa non puoi crescere spiritualmente

Un primo frutto spirituale della conversione è il desiderio di conoscere di più chi ti ha salvato.

Come fai per conoscere di più a Dio?

Alt! Qui voglio sfatare un mito…

Molte, ansi, troppe volte ho ascoltato cose come: per conoscere Dio devi pregare e pregare molto… vai in un posto isolato e mettiti in comunione con Dio,  mettiti in contatto con Lui ecc… e questi “potrebbero essere” dei buoni consigli, ma questo non è sufficiente per conoscere Dio e potresti cadere nell’errore di crearti “un dio” a la tua misura. Spero non averti scandalizzato, ma per sicurezza ti dico perché.

la verità è che “non sappiamo pregare come conviene” (Rom 8:26)
Dio stesso ci dice come pregare e per quali cose. Dove? nella bibbia.

Per conoscere Dio devi leggere cosa Dio ti ha lasciato scritto . I tuoi pensieri senza conoscere la bibbia potrebbero essere diversi da quello che Dio è e di quello che Dio vuole in realtà

l’idea che devi avere di Dio non deve partire da “te” ne da come immagini che Lui sia.

La perfetta descrizione di Dio la trovi nella bibbia.

Lo studio della parola è fondamentale per arrivare alle giuste conclusioni

Tanto è vero che le istruzioni che trovi sono imperative, mica suggerimenti

Guarda cosa dice Paolo a Timoteo :

Sforzati di presentare te stesso davanti a Dio come un uomo approvato, un operaio che non abbia di che vergognarsi, che usa rettamente la parola della verità. (2 Tim 2:15)

Paolo dice a Timoteo sforzati!, applicati!, è un ordine, è una cosa che devi fare!

Prima li dice “applicati alla lettura” (1 Tim 4:13) e poi insiste ancora: Sforzati (2 Tim 2:15)

Sforzati. Non è una cosa che viene da sola, devi impegnarti per farlo, devi lottare contro te stesso per farlo.

Quando ti disponi a studiare la bibbia, preparati a lottare

Questo te lo racconto perché mi è successo e succede sempre a tutti. Senza eccezioni. 

Vedrai che nel momento in cui decidi di sederti a studiare la bibbia succederà il finimondo
Suona il telefono, ti arrivano 50 messaggi su watsapp, il postino suona alla porta,
ti ricordi che devi prendere il latte al supermercato, avrai sonno, insonnia, stanchezza, male di testa, voglia di correre, voglia di sdraiarti, ti ricorderai tutte le cose che non hai ancora finito e che dovresti finire per ieri,
non troverai la bibbia, ah si hai l’app nel telefono ma non funziona, devi reinstallare,
avrai fame, sete caldo e freddo, tutto allo stesso tempo.

Hey! Questo sei tu stesso che lotta! stai vivendo il processo di santificazione e crescita spirituale. La tua carne non vuole ma è lo spirito di Dio che ti impulsa. Dio stesso ti dice sforzati!

La cosa buona è che Dio ti manda a sforzarti ma quando tu ti sforzi è lui che ti da la forza. Come recita la frase… Soli Deo Gloria

Non solo devi sforzarti, devi sforzarti a presentarti approvato.

Lo studio non può essere superficiale, non è solo un tempo di contemplazione del soffitto che “dedichi a Dio”

Leggi con l’intenzione d’imparare, desidera imparare.

Lo so, questa è difficile, di solito uno non sa ne da dove incominciare.

Io mi sono trovato in questa stessa situazione, ecco cosa ho fatto.

Ho incominciato a mettere in discussione quello che sapevo già, o quello che credevo di sapere, ho incominciato a mettere in discussione i versetti che sapevo a memoria.

Ad esempio “posso ogni cosa in Cristo che mi fortifica” (Fil 4:13) sono andato a trovare il versetto e ho letto il capitolo “per intero” per vedere se quello che io pensavo era quello che c’era scritto.

NO, ho scoperto che spesso lo utilizzavo male.

lo utilizzavo per fissare un obbiettivo e raggiungerlo! Io posso! in pratica prendevo coraggio per fare quello che volevo, perché io potevo, e perché Cristo mi avrebbe aiutato.

Come se fossi io il protagonista e “cristo” uno che “mi aiuta” a fare quello che voglio.

Invece Paolo sta dicendo qualcosa di molto diverso, dice che si accontenta della situazione in cui si trova.

Se vedi il contesto, stava passando un momento di molta difficoltà.

Quindi “posso accontentarmi della mia situazione perché Cristo mi da la forza”!

Ecco, Approvato! ho imparato il versetto nel senso giusto.

Avevo capito il senso reale di quello che Lui mi stava dicendo tramite l’autore.

E mi ero sbarazzato del mio “versetto d’incoraggiamento”. Certo, prima era più bello, ma ora è la vera parola di Dio.

In pratica ho fatto quello che dice 2 Tim 2:15 ho  usato bene la bibbia, ho fatto come ” l’operaio che non ha di che vergognarsi”
Prima dovevo vergognami per aver capito una cosa per un altra, ma non perché non ho la capacità di capire, ma perché non mi sono sforzato di capire, non mi applicavo e ho capito quello che volevo io, quindi non ascoltavo Dio ma ascoltavo me stesso.

Se dici di essere “cristiano” ma non conosci la parola, hai da che vergognarti.

Tu stai dicendo di essere uno che “Segue Cristo”, ma non hai letto bene le istruzioni su come seguirlo!

dici di “essere cristiano” e poi non sai veramente cosa significa esserlo per davvero.

Il problema è che se non conosci la parola e sei in un ambiente cristiano che non usa bene la bibbia ti troverai ad affermare cose come se fossero bibliche quando sono solo il frutto del tuo pensiero personale che per buono e giusto che può sembrare, è un pensiero carnale. Uh che bastonata, sorry. (guarda che va anche per me, mica ho finito d’imparare)

Passiamo a l’ultima considerazione di Paolo in 2 Tim 2:15

“che tagli rettamente la parola della verità” o “che usa rettamente la parola della verità”

Che vuol dire? Quando comprendi correttamente il senso principale del passaggio che stai studiando puoi “tagliare rettamente la parola della verità”

La parola “tagli” o “usi” nel originale è “orthotomeo” e si utilizzava nell’architettura per costruire un muro dritto.

In pratica si piantava un paletto, si legava un filo, questo filo veniva allungato fino ad un altro paletto, il filo determina il limite dove costruire il muro, in questo modo il muro viene dritto come il filo.

Questo ci parla di discernimento, poter differenziare il bene del male.

L’idea è che quanto più conosci la parola, più il filo che divide il bene del male è dritto e cosi eviti di torcere quello che Dio ha detto.

O usi bene la Parola della verità, o non è verità!

Se usi bene la Parola potrai evitare di chiamare “…bene il male e male il bene…” (Isaia 5:20)

Conoscere la parola perfeziona il tuo discernimento spirituale.

Per finire…

Se sei un credente e desideri conoscere Dio, devi desiderare conoscere la bibbia.

Sii diligente, al inizio sara difficile organizzarti e farti il tempo per studiare,
incomincia piano, prendi un versetto di quelli che conosci, approfondisci su di esso,
guarda l’intero capitolo.

Usa anche i riferimenti incrociati, sono quei numeretti che indicano i versetti che hanno a che vedere col tema, li trovi come nota nella bibbia di studio, leggili, ti aiuteranno a capire meglio il contesto.

Leggi diverse volte il passaggio e prenditi il tempo per meditare su di esso, leggi i versetti e fagli delle domande, trova le risposte nella bibbia, cerca con la chiave biblica altri passaggi che parlino del tema.

Se non l’hai mai fatto chiedi aiuto a chi tu pensi che sia diligente nello studio della bibbia. Magari ti capita lo stesso che è capitato a me, non ho trovato nessuno.

Ho fatto il mio percorso da solo, ho commesso un sacco di errori, pero ho imparato a non dar nulla per scontato, ascolta a chi ne sa più di te, chiedi opinioni, ma sopratutto investiga per trarre le tue convinzioni.

Sii ubbidiente, applica quello che hai imparato.
“Ho conservato la tua parola nel mio cuore per non peccare contro di te. ” (Salmo 119:11)

Prega! si, prega prima d’incominciare a studiare e dopo che hai studiato diligentemente per mettere in pratica, hai bisogno dello Spirito Santo.
“Apri i miei occhi, e contemplerò le meraviglie della tua legge” (Salmo 119:18)

  • Prima Dio apre i tuoi occhi
  • Poi puoi contemplare le meraviglie della Sua legge, La Parola

Prega che quello che hai letto possa diventare vero nella tua vita e che sia per la gloria di Dio.

“Ma siate facitori della Parola e non soltanto uditori, illudendo voi stessi.” Giacomo 1:22

Se in qualche modo questo articolo ti è stato di aiuto lasciami un like o un commento

Per non perderti nessun post, sottoscriviti alla newsletter

Autore: Fernando

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s